Bere acqua migliora le prestazioni mentali prima di un esame

C’è chi prima di un esame scolastico, universitario o per un concorso di lavoro le pensa tutte per migliorare la propria memoria o le prestazioni mentali. Abbiamo così chi assume dello zucchero, chi si prende un caffè per essere più attento; chi ancora si beve una bibita zuccherata o un tè. Quello a cui forse nessuno avrebbe tuttavia mai pensato è che la cosa che funziona altrettanto bene è la semplice acqua. Già! Bere un normalissimo bicchiere d’acqua è stato associato alle stesse migliori performance e a migliori risultati agli esami. Non disperatevi dunque a cercare chissà quale rimedio per passare bene gli esami, ma portatevi dietro una semplice bottiglietta d’acqua naturale: questo il suggerimento che arriva da uno studio condotto da un team di ricercatori della University of East London e della Westminster University (Uk). Acqua, pertanto, un bicchiere d’acqua favorisce performance intellettuali migliori in media del 10 percento, ha spiegato il dottor Chris Pawson, insieme a Mark Gardner, nel presentare i risultati dello studio alla conferenza annuale della British Psychological Society in corso a Londra dal 18 al 20 aprile 2012. I ricercatori hanno testato gli effetti del bere una bevanda, o meno, prima di un esame su un nutrito gruppo di studenti, scoprendo che coloro che avevano assunto la bevanda – che si trattasse di caffè, acqua, bibita o cola – ottenevano risultati migliori durante gli esami, rispetto a coloro che invece non avevano bevuto nulla. L’ipotesi più accreditata nel tentare di spiegare questo fenomeno è che quando le cellule cerebrali sono più, e adeguatamente idratate le informazioni sono trasmesse in modo migliore e le scariche elettriche fluiscono più liberamente. Allo stesso modo, bere acqua non solo è uguale a bere una bibita che magari vanta proprietà toniche, ma secondo gli scienziati aiuta a calmare i nervi che, proprio in occasione di un esame, è bene che siano il più rilassati possibile. Non sarebbe dunque il valore aggiunto affibbiato alle bibite o alle sostanze contenute in caffè o tè a fare la differenza, ma la componente liquida di questi elementi. L’idratazione pertanto è l’essenziale. E lo è stata anche quando i ricercatori hanno analizzato i risultati di centinaia di studenti eliminando i possibili fattori confondenti, come potrebbe essere la più o meno accertata intelligenza o preparazione. «I risultati dello studio implicano che il semplice atto di portare l’acqua a un esame è stato collegato a un miglioramento [nei risultati] degli studenti», conclude il dottor Pawson. Se pertanto abbiamo in programma un qualche esame, concorso o altro impegno che implica l’uso della mente e vogliamo ottenere le massime prestazioni, ricordiamoci di idratare per bene le cellule cerebrali, magari con della normale acqua fresca.

(La Stampa 19/4/2012)

Annunci

Informazioni su francescasalvadori

INSEGNANTE DI ITALIANO LINGUA SECONDA FACILITATORE LINGUISTICO
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...